mercoledì 30 gennaio 2008

Della serie tutto é bene...

Sempre piu' mi capita di vedere film "educativi". Educativi nel senso che si vuole far abituare la gente a vedere coppie gay che vivono normalmente e che hanno gli stessi comportamenti, gioie e dolori, delle coppie normali e sottolineo normali, come da norma.
Il film di stasera, un film tedesco, racconta la storia di un bambino conteso dalla madre biologica, che torna da sei anni di ingiusta prigione in India, e da una coppia di uomini che l'avevano adottato.
Tutto é politicamente corretto e da cliché.
Il padre adottivo é un uomo serio, che ha un'ottima carriera, bella casa e il suo convivente un bel
ragazzo esuberante. Il bambino é affezionatissimo ai "genitori" adottivi e non vuole saperne della
madre sfortunata. La coppia é stabile, ma con "normali" diverbi e gelosie.
Tutto finirà bene, dopo un processo e degli interventi di cattive persone che hanno stupidi pregiudizi sulla capacità di allevare un bambino da parte di due uomini, tra abbracci e baci dei due uomini e con la benedizione della madre.
Tutto sembra facile con i bambini adottati...tutti si preoccupano tanto della felicità del bambino..

E invece no. Tutte queste storie sono delle razionalizzazioni. La gente che ha dei comportamenti
e degli orientamenti extra ordinari e tempo fa non accettati, cerca di trovare delle ragioni per giustificare le proprie azioni che sanno essere sbagliate.
Non va niente bene che i bambini siano adottati da coppie omosessuali , che li vogliono per avere una parvenza di famiglia. Perché cosi' possono continuare coi propri comportamenti con la benedizione della società, mentre nessuno si preoccupa veramente di cosa ha bisogno un bambino.

Ho visto documentari sui figli ,adottivi e non, di coppie di gay californiani, esibiti come cagnolini, e ragazzini portati alle parate gay per testimoniare che erano tanto felici che il loro papà un giorno avesse lasciato la mamma per un maschione palestrato del gruppo dei gay in cuoio nero.
Ho visto una figlia di una coppia lesbica che aveva fatto piangere di desolazione le mamme quando ha confessato, dopo aver provato relazioni lesbiche, di preferire i ragazzi.

Ci si preoccupa tanto di non ferire la sensibilità degli omosessuali adulti, si coniano vocaboli per esecrare le critiche, si fanno leggi per impedire la libertà di espressione, e si dimenticano le esigenze elementari e affettive dei piu' piccoli, piu' deboli, dei minori.
Una delle tante contorsioni di una società che preferisce vivere l'oggi e il piacere del momento e per questo sacrificare il futuro e le generazioni future.

11 commenti:

Gwath ha detto...

Non posso che quotare tutto quello che hai detto.

Non aggiungo niente al tuo articolo, la penso esattamente così.

Massimo ha detto...

E benvenuta anche a Unedame/Lontana con il suo primo post in questo blog :-)
Come ha scritto Gwath: nulla da aggiungere, perfetta la prima ! :-)

Lontana ha detto...

Grazie amici.
Purtroppo é la situazione che troviamo sotto i nostri occhi.
Molto di piu' in NordAmerica e in Nord Europa che da noi, ma che avremo presto da combattere.
Combattere perché é ingiusta, violenta, irrispettosa dei piu' giovani.

Piedone ha detto...

daje lontana!

Veritas79 ha detto...

Belli soprattutto secondo me i due ultimi paragrafi. Complimenti bel post.

Veritas79

Lontana ha detto...

Ed ho cercato di fare una sinstesi, perché poi, i problemi coi bambini sono tantissimi.
Infatti é per loro che mi preoccupo, e per le generazioni future.
Non vogliamo una società che mette in prigione i gay o che sia intollerante, ma non vogliamo neanche che qualcuno ci voglia imporre dei modelli di vita alternativi e di cui non conosciamo le conseguenze a lungo termine.

jack ha detto...

comunque in italia i bambini non possono essere adottati, di cosa ti preoccupi?

Ilpizzino ha detto...

Veramente sono i gay a volere noi in galera. Loro, i gay, sono molto tolleranti..

psicologo ha detto...

ho letto quell'articolo su freud di qualche mese fa... la psicoanalisi si basa molto sulle abilità personali del medico... e permettetemi di dire che chi ha a che fare con la droga non era tanto freud ma molti psichiatri che prescrivono psicofarmaci....

Anonimo ha detto...

massimo 51enne represso!!!!!!!!!! vai a lavorare!!!!!!!!!!!!!!!!

Massimo ha detto...

Jack. I bambini non possono essere adottati da coppie omosessuali, per ora. Quel che preoccupa è che alcuni vorrebbero persino che una simile assurdità diventasse legge dello stato.

Psicologo. Freud non sembra fosse del tutto a posto, comunque sono d'accordo con la tua conclusione :-)

Anonimo. Non preoccuparti. Delle mie repressioni mi occupo io e il mio contrubuto alla produttività non manca :-D

Anonimo delle 19,19, Chiara, Varen, Luca. I vostri commenti sono stati tutti rifiutati (dal sottoscritto) perchè non pertinenti con il tema del post.