martedì 22 luglio 2008

La casa di "risposo" per Gay

Campi da tennis, piste da bowling, teatro all'aria aperta, oltre a un centro benessere con piscina, palestra, bar e ristorante. Sono tutte le strutture di cui sarà dotato il primo villaggio per pensionati gay, lesbiche e transgender che verrà costruito in Australia. Il progetto Linton Estate costerà 12 milioni di sterline. Nonostante le polemiche di una comunità di attivisti contrari al progetto, i lavori dovrebbero iniziare nel 2009.

I direttore Peter Dickson ha detto che il villaggio sarà fatto apposta per gli anziani membri della comunità gay e lesbica. "Sia che siano in una relazione stabile o single, tutti vogliono essere circondati da amici", ha detto Dickson. "Vorrei che Linton Estate fosse diverso dalle altre case di riposo per anziani", ha aggiunto.

La struttura sarà costruita vicino Daylesford, città che ospita la più grande comunità omosessuale dell'Australia rurale.


N.B. E' sicuramente un motivo per spingere ad emigrare alcuni lettori rosiconi di questo blog.

lunedì 21 luglio 2008

Secondo Natura Umana, ovvero non siamo bestie.

Uno dei ronzini di battaglia degli omofili, ora spalleggiati dalle leggi di Zapatero che ci equiparano alle scimmie, è il portare esempi di omosessualità animale a sostegno della naturalità della cosa. Contenti loro di vantare origini bestiali, in compagnia delle Teorie non dimostrate di Darwin, autonegandosi l' Anima, bene prezioso che ci differenzia dai nostri simpatici amici. In realtà dopo le legittimizzazioni dei matrimoni omosessuali, sulla base della comparazione con gli animali, dovremmo in futuro aspettarci in pratica di tutto.

Cominciando dalla legalizzazione della pedofilia, poichè sia TALPE che ERMELLINI hanno l'abitudine di accoppiarsi con esemplari non ancora sessualmente maturi. Poi dello stupro, praticato comunemente non solo dai RAGNI, ma anche da moltissimi MAMMIFERI ERBIVORI e soprattutto dalle OCHE e dalle ANATRE. Singolare è il caso degli SCARABEI D' ACQUA, dove i maschi, tenendo ferme le loro compagne sotto il pelo dell' acqua, quasi le affogano, lasciandole respirare solo se stanno per morire, ma vigilando che non abbiano altre forze per accoppiarsi con altri maschi. I DELFINI DAL NASO A COLLO DI BOTTIGLIA arrivano a praticare lo stupro di gruppo, inseguendo per settimane una sola femmina, che sottopongono alle loro voglie a turno, dopo averle chiuso ogni via di fuga. Agli inizi degli anni Novanta, nel Parco Nazionale di Pilaneberg in Sudafrica si registrarono violenze sessuali da parte di giovani ELEFANTI maschi ai danni di poveri RINOCERONTI, spesso uccisi dopo l'atto.


Il cannibalismo sessuale è un' altra pratica assai diffusa nel mondo animale: non solo è noto il caso della MANTIDE RELIGIOSA, ma anche moltissimi RAGNI femmina divorano il partner dopo l'accoppiamento, mentre la PULCE D' ACQUA si pappa il maschio anche durante il rapporto.


Più di un etologo, oltre a Kees Moelliker del Museo di Storia Naturale di Rotterdam, ha riscontrato casi diffusi di necrofilia tra i GERMANI REALI; lo studioso olandese registrò un rapporto di 75 minuti. Rivelatosi poi pure tra animali dello stesso sesso. La necrofilia è pure praticata dal ROSPO DELLE CANNE.


Arriviamo poi ai casi di omosessualità spesso citati dagli omofili: non sono esempi edificanti. Prendiamo il caso dei CIGNI MASCHI AUSTRALIANI: dopo aver attivato una realazione a tre con una femmina, dopo la deposizione delle uova la cacciano in modo violento dal nido e si occupano loro della cova. Mentre i PINGUINI citati da Ruggero a cui ho promesso una risposta, probabilmente quelli dello Zoo di New York, hanno covato uova rapinate, è il caso di dirlo, perchè l' azione fu accompagnata da minacce e violenze, a povere madri.


Tra gli animali poi, l' ELEFANTE MARINO ha un harem valutabile in almeno cento femmine, lasciando però a secco i maschi meno forti e possenti. Mentre le orge sono pratica diffusa tra molti animali marini, dai DELFINI fino ai CAVALLUCCI MARINI; arrivando fino alle scimmie care a Zapatero, come gli SCIMPANZE' ed i BONOBO, quest' ultimi, nella foto, bisessuali.


Come si vede,dunque, se vogliamo equipararci alle bestie, siamo su un' ottima strada...



Entra ne

giovedì 17 luglio 2008

Ho scoperto questa cosa che riporto, onestamente ne ammetto la precedente ignoranza.

http://www.britopian.com/images/nambla.jpg

North American Man/Boy Love Association (NAMBLA)

I pezzi in corsivo sono citati da un commentatore anonimo del mio blog

Detto così la classica americanata con una sigla tanto impronunciabile quanto ridicola. E invece.. Partiamo da zero: la NAMBLA è una delle associazioni per i diritti gay che esistono al mondo. Niente di speciale quindi. La NAMBLA negli anni '80 partecipò alla fondazione dell'ILGA ( International Lesbian and Gay Association ).

L'ILGA è un'associazione che raccoglie tutte le associazioni per i diritti dei gay. Ad esempio l'italiana arcigay fa parte dell'ILGA. ARCIGAY Italia fa parte dell'ILGA. Associazione fondata, fra gli altri, dalla NAMBLA.

Se si va sul sito della NAMBLA, su "Who we are" ci sono i punti chiave del loro programma.

Promuovono la pedofilia "consensuale", ovvero premono perchè sia legale che un adulto abbia rapporti sessuali con un bambino, purché questo consenziente. Il logo infatti presenta una M grande (Man) che si "scontra nel retro" di una B piccola (boy).

Nella International Lesbian and Gay Association (ILGA) era rappresentata anche l'organizzazione per l'emancipazione della pedofilia: la North American Man-Boy Lovers Association (NAMBLA). le battaglie comuni di ILGA e NAMBLA prima della separazione:

1) Nel 1985, ILGA adottò una posizione sull'«età del consenso/Pedofilia/ Diritti dei bambini» che sollecitava le organizzazioni aderenti a "far pressione sui propri governi perché abolissero la legge sull'età del consenso" 2)Nel 1986, ILGA adottò una posizione con cui affermava di "appoggiare il diritto dei giovani all'autodeterminazione sessuale e sociale"
3) Nel 1988, ILGA dichiarò che "le attuali leggi sull'età del consenso tra persone dello stesso sesso spesso agiscono per opprimere e non per proteggere (...) e che perciò le organizzazioni aderenti sono sollecitate a considerare come meglio consentire a bambini, adolescenti e persone di ogni età di ottenere maggior potere, dando loro sostegno contro la coercizione e l'oppressione sessuale".

Questo discorso, nato in seguito alla mia opposizione ferma al considerare altre interpretazioni che non fossero pedofile agli scritti del Mieli, mi ha lasciato talmente stupefatto che ho dovuto riportarlo... con questo intervento resto definitivamente stupito! Non pensavo ci fosse una tale affinità tra associazioni di stampo chiaramente pedofilo e associazioni di stampo omosessuale... ma evidentemente non è stato così.

Veritas79

Entra ne