martedì 22 luglio 2008

La casa di "risposo" per Gay

Campi da tennis, piste da bowling, teatro all'aria aperta, oltre a un centro benessere con piscina, palestra, bar e ristorante. Sono tutte le strutture di cui sarà dotato il primo villaggio per pensionati gay, lesbiche e transgender che verrà costruito in Australia. Il progetto Linton Estate costerà 12 milioni di sterline. Nonostante le polemiche di una comunità di attivisti contrari al progetto, i lavori dovrebbero iniziare nel 2009.

I direttore Peter Dickson ha detto che il villaggio sarà fatto apposta per gli anziani membri della comunità gay e lesbica. "Sia che siano in una relazione stabile o single, tutti vogliono essere circondati da amici", ha detto Dickson. "Vorrei che Linton Estate fosse diverso dalle altre case di riposo per anziani", ha aggiunto.

La struttura sarà costruita vicino Daylesford, città che ospita la più grande comunità omosessuale dell'Australia rurale.


N.B. E' sicuramente un motivo per spingere ad emigrare alcuni lettori rosiconi di questo blog.

2 commenti:

Martino ha detto...

La tua immensa ignoranza mi disgusta... non ho mai visto una persona così omofoba. Tu non solo hai paura dei gay, e cerchi di ridicolizzarli in ogni modo. Freud asserirebbe senza ombra di dubbio che tu hai una grande tendenza omosessuale celata nel tuo inconscio, e tenti di reprimerla con questo pseudo atteggiamento violento per evitare che fuoriesca del tutto... Tu hai paura di essere omosessuale... Dai una letta questo link, poi dimmi se la natura segue le sue autonome leggi o quelle che vorresti tu, ma che non esistono...

http://it.wikipedia.org/wiki/Pan_paniscus

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Mi permetto di rispondere io, poi se Piedone vorrà aggiungere qualcosa...

L' incauto insultante,come altri omofili militanti, ha fatto la sua pessima figura, non riconoscendo nella foto del mio post precedente proprio un Bonobo (Pan Paniscus)del link al quale fa riferimento.
Eppure lo dico anche in fondo al post...

Se Martino vuole sentirsi una scimmia, padrone lui di farlo. Ognuno è libero di pensarla nella maniera più bislacca.

Freud chi ? Ah, si quell' altro compagno di merende di Darwin.

Loro si, che ne avevano di problemi...