lunedì 21 luglio 2008

Secondo Natura Umana, ovvero non siamo bestie.

Uno dei ronzini di battaglia degli omofili, ora spalleggiati dalle leggi di Zapatero che ci equiparano alle scimmie, è il portare esempi di omosessualità animale a sostegno della naturalità della cosa. Contenti loro di vantare origini bestiali, in compagnia delle Teorie non dimostrate di Darwin, autonegandosi l' Anima, bene prezioso che ci differenzia dai nostri simpatici amici. In realtà dopo le legittimizzazioni dei matrimoni omosessuali, sulla base della comparazione con gli animali, dovremmo in futuro aspettarci in pratica di tutto.

Cominciando dalla legalizzazione della pedofilia, poichè sia TALPE che ERMELLINI hanno l'abitudine di accoppiarsi con esemplari non ancora sessualmente maturi. Poi dello stupro, praticato comunemente non solo dai RAGNI, ma anche da moltissimi MAMMIFERI ERBIVORI e soprattutto dalle OCHE e dalle ANATRE. Singolare è il caso degli SCARABEI D' ACQUA, dove i maschi, tenendo ferme le loro compagne sotto il pelo dell' acqua, quasi le affogano, lasciandole respirare solo se stanno per morire, ma vigilando che non abbiano altre forze per accoppiarsi con altri maschi. I DELFINI DAL NASO A COLLO DI BOTTIGLIA arrivano a praticare lo stupro di gruppo, inseguendo per settimane una sola femmina, che sottopongono alle loro voglie a turno, dopo averle chiuso ogni via di fuga. Agli inizi degli anni Novanta, nel Parco Nazionale di Pilaneberg in Sudafrica si registrarono violenze sessuali da parte di giovani ELEFANTI maschi ai danni di poveri RINOCERONTI, spesso uccisi dopo l'atto.


Il cannibalismo sessuale è un' altra pratica assai diffusa nel mondo animale: non solo è noto il caso della MANTIDE RELIGIOSA, ma anche moltissimi RAGNI femmina divorano il partner dopo l'accoppiamento, mentre la PULCE D' ACQUA si pappa il maschio anche durante il rapporto.


Più di un etologo, oltre a Kees Moelliker del Museo di Storia Naturale di Rotterdam, ha riscontrato casi diffusi di necrofilia tra i GERMANI REALI; lo studioso olandese registrò un rapporto di 75 minuti. Rivelatosi poi pure tra animali dello stesso sesso. La necrofilia è pure praticata dal ROSPO DELLE CANNE.


Arriviamo poi ai casi di omosessualità spesso citati dagli omofili: non sono esempi edificanti. Prendiamo il caso dei CIGNI MASCHI AUSTRALIANI: dopo aver attivato una realazione a tre con una femmina, dopo la deposizione delle uova la cacciano in modo violento dal nido e si occupano loro della cova. Mentre i PINGUINI citati da Ruggero a cui ho promesso una risposta, probabilmente quelli dello Zoo di New York, hanno covato uova rapinate, è il caso di dirlo, perchè l' azione fu accompagnata da minacce e violenze, a povere madri.


Tra gli animali poi, l' ELEFANTE MARINO ha un harem valutabile in almeno cento femmine, lasciando però a secco i maschi meno forti e possenti. Mentre le orge sono pratica diffusa tra molti animali marini, dai DELFINI fino ai CAVALLUCCI MARINI; arrivando fino alle scimmie care a Zapatero, come gli SCIMPANZE' ed i BONOBO, quest' ultimi, nella foto, bisessuali.


Come si vede,dunque, se vogliamo equipararci alle bestie, siamo su un' ottima strada...



Entra ne

15 commenti:

A.F. ha detto...

ma chi se ne importa di quanto fanno bestie e bestiole varie ed assortite nei vari regni animali? a mio modesto la questione è assai più semplice parere:
Il genere umano esiste in natura? Evidentemente sì.
Esistono nel genere umano comportamenti omosessuali? Evidentemente sì.
Pertanto l'omosessualità nel genere umano esiste in natura.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Infatti è notorio che uomo con uomo e donna con donna possano procreare secondo natura...

A.F. ha detto...

ma che c'entra la procreazione?
Si dice "l'omosessualità umana è contro natura": un simile assioma è tanto falso quanto negare che l'uomo sia altro rispetto a quanto esistente in natura. Non tanto perchè, che ne so, l'orinoco australiano pratica l'omoerotismo, ma perchè la natura umana ricomprende anche inclinazioni omosessuali: non quella dell'orinoco o dell'anatra canadese, quella dell'essere umano.
Mi pare altrettanto evidente che due uomini e due donne non possano procreare senza ausilii, ma ripeto: che c'entra?

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Perchè,gentilmente, non si rilegge altri post ?

Devo sempre ricominciare da capo ?

Compito della Natura Umana è procreare, per non estinguersi.

A.F. ha detto...

sì sì, lo so, l'ho letto.
Pur tuttavia continuo imperterrito a considerarla una visione limitante della natura umana.
Ciò detto non ho la benchè minima intenzione di entrare in una querelle nella quale siamo su opposti inconciliabili.
Rinuncio pertanto a proseguire e mi levo il cappello (sia letto senza ironia) di fronte a tanta convinzione e tanta voglia di portare avanti la propria idea che, ribadisco, con altrettanta forza non condivido per nulla.
Saluti.

Veritas79 ha detto...

Secondo il ragionamento del tizio, anche la pedofilia non è contro natura. Anche l'assassinio.

Veritas79

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

AF.

Ne prendo atto.

Noi Cattolici non vogliamo imporre nulla: solo esporre il Nostro Pensiero e la Nostra Fede.

Teufer ha detto...

Esposizione che però porta sempre al tentativo di impedire ad altri di vedere riconosciuti i propri diritti...

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Eddai ! Diritti di contrarre Matrimoni non secondo la Natura Umana mi sembrano prevaricazioni o forzature estreme !

Gwath ha detto...

A mio parere la dimensione dello stato di natura va differenziata dal diritto di natura.

Lo stato di natura è delle bestie, il diritto di natura è degli uomini.

Purtroppo o per fortuna, gli esseri umani hanno l'intelligenza per scegliere di andare anche oltre il loro istinto, e quindi di reprimere gli eccessi di un'esistenza basata sulle vocazioni istintuali.

Ma il corpo, la natura umana, per quanto la sua intelligenza possa trascenderla, essa non può essere cambiata, se non andando contro la natura umana stessa.

Noi come esseri umani abbiamo il dono e la preoccupazione di agire Secondo Ragione e Secondo Natura.

Ma è però proprio in questo la prospettiva dove l'uomo acquista (atrraverso il dominio di sè) la sua piena dignità di essere, appunto, un uomo.

Non è facile, lo so; ma non vi è altra strada.


Slauti.

Teufer ha detto...

Sorvolando cosa sia la Natura Umana da lei tanto proclamata (per me infatti la Natura Umana è esattamente identica a quella delle Bestie: fatta per tendere alle condizioni di esistenza più piacevoli) continuo a non capire come la possibilità che altra gente faccia come vuole le dia così fastidio. Odia così tanto la Libertà altrui?

Massimo ha detto...

Non ho dubbi che - absit iniuria verbis e senza riferimenti ai presenti - alcune persone siano più simili a bestie che ad Umani :-).
Noi siamo per la libertà delle scelte individuali.
Reagiamo quando, anche con costi - se non altro di tempo da impiegare meglio su altri temi - a carico del pubblico (cioè di tutti noi) si vogliono imporre leggi di privilegio per favorie i capricci sessuali di una minoranza.

Teufer ha detto...

Colgo la delicata ironia -tanto di cappello, vedo che le buone esche non vengono mai sprecate (ho volutamente semplificato il discorso, ispirato dal post)- ma non il senso della risposta, non aggiunge nulla a quello che ha già detto e che continuo a non capire.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Teufer.


Come annunciato, questo è un Blog a più mani, dove partecipano Cattolici come il sottoscritto, ma anche Agnostici come Massimo oppure di sinistra come Veritas ed altri ancora.

Bene sarebbe scrivere in testa a chi ci si rivolge, e non far passare 20 giorni tra un commento e l' altro.

Comunque, vorrei aggiungere qualcosa alla già esauriente risposta di Massimo.

Prendo atto, da estimatore di Goethe qual sono,che uno che si firmi "Teufer" scriv: "per me infatti la Natura Umana è esattamente identica a quella delle Bestie: fatta per tendere alle condizioni di esistenza più piacevoli". Nostro Signore, che ha cacciato nel posto competente l' Angelo Ribelle, ci insegna che dobbiamo aspirare al Suo Mondo, che è nei Cieli, non alla Terra. La quale, però, non è data in gestione all' Angelo Ribelle, come bislacche idee New Age, Esoteriche, Blawaskyane o filoCrowley vogliono far credere.
Chi in Terra sarà Bestia, lo sarà anche nell' Altra Vita. Per l' Eternità.
=========

Per il resto, ho già più volte risposto:non odio per niente la libertà altrui, ma lotto perchè un eccesso di cattiva libertà possa limitare la mia.

Gwath ha detto...

NOTA A MARGINE.

Teufer ha scritto:

per me infatti la Natura Umana è esattamente identica a quella delle Bestie: fatta per tendere alle condizioni di esistenza più piacevoli

Io rispondo:

bhe, a me sembra che una concezione della Natura siffatta (oltre che ad essere sbagliata) sia un concetto che viene comunemente chiamato: edonismo.

INOLTRE un concetto della Natura umana che si orienta verso una tendenza al piacere, indirizza a la Natura umana ad essere fine a se stessa.

Ciò, oltre ad essere PALESEMENTE falso, è anche potenzialmente pericoloso.