domenica 15 marzo 2009

Perchè siamo antipatici. I gay ed il complesso dei migliori.

Oltre tre anni fa usciva un libro di Luca Ricolfi: "Perché siamo antipatici? La sinistra e il complesso dei migliori", di cui pubblico un estratto di una sua lettura: "... i comunisti non fanno più paura a nessuno, ma in compenso la sinistra nel suo insieme suscita un sentimento meno forte della paura, e proprio per questo più insidioso: l'antipatia. In questo libro Luca Ricolfi, uno studioso da sempre collocato a sinistra, analizza a fondo questo sentimento, mettendo a nudo quelle che considera le grandi malattie della sinistra. Malattie del discorso, innanzitutto, come le ipocrisie del politicamente corretto, l'astrattezza delle formule, l'uso della dialettica contro le evidenze dissonanti. Ma anche una grande e tragica malattia dell'anima: la credenza in una superiorità etica delle idee e delle persone di sinistra. Il complesso dei migliori - una sindrome che affligge innanzitutto i dirigenti e i militanti - li porta inesorabilmente a non capire né la storia né la realtà dell'Italia, a disprezzare l'elettorato di centrodestra, a credere di rappresentare 'la parte migliore del paese', la sua 'ala sana'. E infine li conduce ad autoattribuirsi una missione salvifica, come se l'Italia fosse improvvisamente passata dall'età dell'oro - gli anni dell'Ulivo - all'età del piombo - gli anni della Casa delle Libertà. Ne deriva una lontananza quasi stellare dalla gente da quel che pensa, da quel che vuole, da come vive e parla, in una parola da ciò che si definisce il senso comune.".


Ebbene, nel leggere i commenti scritti nel Blog di Tycooko contro di me, non posso che parafrasare il titolo di questo libro, dove è facilmente sostituibile il sostantivo "sinistra" con "gay". E potremmo aggiungervi anche "libertario", "laicista", "ateista" ed altri generi di saputelli vari. I quali, invece che di rispondere in modo esaustivo a quanto ho postato nel loro felice mondo pieno di certezze laiche, si nascondono dietro diversi ditini piccini picciò.

Il primo, Anelli di Fumo, dopo un piccolo prologo teso a dimostrare che fare tanto sesso porta alla felicità (cosa peraltro discutibile, se pensiamo ad una figura come "Don Giovanni", perennemente infelice. Senza la pretesa che questi simpatici libertari conoscano appieno la figura di Faust, illuso e poi pentito dal mito dell' eterna giovinezza),ci porta una statistica che affermerebbe che 9.000.000 di italiani andrebbero a prostitute. Statistica che risulta facilmente attaccabile in quanto quei presunti 9.000.000 in realtà stiano ai passeggeri che prendono un aereo oppure un treno; cioè, per fare un esempio (non numerico), ad un numero comprensivo dei vari pendolari che prendono e riprendono quel mezzo. I 9.000.000 di italiani che andrebbero con le prostitute sono comprensivi degli "abbonati", e quindi non si tratta di 9.000.000 di unici, tutti allegramente in fila. Ma quello che lo scrivente non si domanda è il perchè di tale fenomeno. Spiegabile sia con il femminismo che ha criminalizzato il Maschio in questi anni, sia con la crisi del Matrimonio causata da una molteplicità di cause: il materialismo, l' edonismo, l' individualismo, la scarsissima volontà di sacrificio, l'anteposizione dei propri diritti ai propri doveri. Dimenticando poi che tantissime Organizzazioni Religiose di Noi Cattivissimi Cattolici sono in prima linea per aiutare tante povere ragazze. Termina poi con la ramanzina del "vivi e lascia vivere", così buonista. Negandomi la possibilità del giudizio. O bella, ma se sei così libero, cosa te ne importa del giudizio di "un povero bigotto omofobo Fascista e Cattolico ?". Se non credi all' Inferno, fai quello che vuoi. Ma padrone io di lottare per le Mie Idee. No ? Ma, evidentemente, vorrebbero impedirci di parlare. Come facevano i comunisti con chi non la pensava come loro.

Veniamo poi al Rino del commento 15 e 16. Che da bravo stalinista modifica le mie affermazioni, banalizzandole. A partire dei miei passati "bagordi", bontà sua. Volutamente ignorando quello da me scritto sulle modelle ("con le quali, contrariamente di quello che raccontano i film dell’ epoca, non è detto che si finisse a letto; molte erano normali studentesse") oppure che il fatto di frequentare discoteche e mondo della moda fosse un bagordo per forza. Arrivando a sostenere che io abbia detto che "tutti i gay sono sozzi", cosa falsa. Poi passa a citare uno studio sull' infedeltà del Prof. Giommi. Che sarebbe ? Sarò un bigotto clericofascista, ma non lo conosco. Portate pazienza. Dandosi però già le risposte (inconsciamente...) sulle cause di questa "eventuale infedeltà" di due italiani su tre: secolarismo, '68, femminismo, fino a satanasso. Ma quest' ultimo, lasciatelo a noi esperti: per voi, pieni di certezze, non esiste. Quando saremo di là, ci sarà da ridere,poi...

Passa poi a parlare delle violenze sessuali, affermando che la maggior parte delle violenze sulle donne avviene, udite udite, sotto l' egida della Famiglia Tradizionale. Ebbene, o non si è letta bene l' indagine 'ISTAT , oppure trattasi della solita leggenda metropolitana. Secondo l' indagine del 2004 il 23, 5 % di violenze sono da parte di amici, ed il 15,3 da parte di colleghi e datori di lavoro. Il 18,3 da parte di estranei ed il 14,2 da parte di conoscenti occasionali fa così restringere al 5,3 del totale al gruppo di "coniugi ed ex-coniugi, lasciando il restante a fidanzati, conviventi ed ex, senza peraltro specificare quanti tra i coniugi siano relativi ad una Famiglia Tradizionale e, permettetemi, Cattolica. Ed i successivi dati del 2007 e 2008 concordano.Tra l'altro mi sembra che propprio Barbagli abbia ricordato in tempi recenti la pesante percentuale di stupri nelle famiglie di immigrati. Ma si sa, io sono, oltre che omofobo, razzista e Fascista. Se poi, invece, per tirare acqua al proprio mulino, si confondono "mariti" con "partner, mariti, fidanzati,conviventi, parenti e fidanzati", non dovete offendervi se si finisce per esser tacciati di stalinismo...

Il nostro Rino, che con l' accusa di essere io un maestro del copia-incolla dimostra o di non aver letto o di non aver capito la mia risposta ("E’ logico e naturale che dovendo trattare di cifre le abbia riprese da chi le forniva. Questo capita quando si forniscomo dati, sia di analisi scentifica che di storia. Ho visto in giro, per esempio, che miei post che parlano di Storia,scritti di mio pugno in “Morti Dimenticati”, per esempio uno titolato “Sergio Ramelli spiegato a Mia Figlia”, sono stati ripresi e pubblicati in tantissimi siti, talvolta senza citarne la fonte originale. addirittura con le mie fotografie eseguite personalmente"), meglio avrebbe fatto ad essere a conoscenza dei miei blog per vedere infatti quanto sia ridotta al minimo tale azione, specialmente in quelli in cui fornisco dati storici; semmai tali blog sono frutto della ricerca tra i miei libri. Avrebbe così evitato facili battutine da internauta. Anche perchè poi nel commento scrive: "Nelle scienze psicosociali, il fattore desiderabilità sociale viene definito come quell’effetto di disturbo che entra in gioco in una ricerca/studio quando il soggetto, che risponde a un'intervista o a un questionario, ha la possibilità di dare risposte che possono essere considerate socialmente più accettabili rispetto ad altre: questo fa sì che le persone cerchino di comportarsi in modo idealistico, ossia tendano a sembrare più "normali" possibile, nel senso di maggiormente "adeguate alla norma".". Esattamente incollato da Wikypedia !!!!!!!!!!!!!! Ma poffarre e poffarbacco, qui non si tratta di portare dei numeri come ho fatto io, ma di scrivere con paroline proprie. Cade ogni eventuale discorso tendente a contestare la validità dei sondaggi sugli omosessuali da me ricordati, per evidente parzialità dimostrata dal Rino scrivente. Che ringrazio di cuore per il il termine di "arcaico" con cui mi bolla perchè li chiamo sodomiti: se la modernità siete voi, ve la lascio. Dopo di chè, quel simpaticone, non trovando altro di divertente, accusa di usura San Paolo, dopo aver sputato sul "borghesismo", evidentemente non conoscendo bene la storia di tantissimi omosessuali celebranti la vituperata "borghesia". Cascando ancora, ignorando questa frase di San Paolo ai Corinti: "La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia", dove l' Apostolo fa coincidere Amore con Carità. Ignorando che proprio San Paolo ha più volte ricordato l' elemosina verso i poveri. E via,offendendo poi altri Padri della Chiesa. Poi Rino si domandi il perchè del titolo di questo Post...Il quale nel commento successivo (16), ridimostra di non aver o letto o capita la mia risposta. Io non millanto la conoscenza del mondo omosessuale solo per studi, ma per aver frequentato la moda a Milano, le discoteche a Milano e New York e posti come Capri. Ed inoltre per il mestiere che esercito: Arredatore. Poi da bravo similcomunista, passa agli attacchi personali: "non mi soffermo sulla quantità di panzane che scrivi sui tuoi blog" (bravo, fai bene, in campo storico sfidami quando vuoi. Ad occhi chiusi, ti rispondo. Non qui, ma quando vuoi.). E prosegue: "inneggiare alla Pena di Morte". Presente nel Catechismo, anche se in casi estremi. Prova ad avere come il sottoscritto una Figlia di 17 anni in questa bella repubblica laica, e ne riparliamo. Oppure citare le "violenze contro le donne" va bene solo per i propri fini ? E pure a sproposito, come si è visto. E conclude: "(inneggiare) allo squadrismo ed al Revisionismo Storico". Sullo squadrismo ? E quando mai ? Mentre che peccato c' è nel Revisionismo Storico, o mio antipaticissimo antagonista ? Mica è Negazionismo !

Infine, ormai tronfio di quella superiorità etica ricordata dal Ricolfi, si lascia andare ad un lungo discorso che altri non è che una conferma alle mie tesi: "...nessuno può dire che la monogamia è preferibile alla promiscuità". Vabene, Rino, se lo dici tu, OBBEDISCO ! Ma poi non fate gli offesi...

Sembrerebbe più conciliante "Noirpink", il quale inizia:"prima di tutto devo riconoscere i tuoi pregi. A differenza di molte persone che professano idee come le tue hai un'ottima conoscenza della lingua italiana e hai anche il coraggio di accettare commenti sfavorevoli sul tuo blog (cosa rarissima a casa degli omofobi)". Anche se dimostra di non leggere bene: SecondoNatura non è il "mio" blog, ma è a più mani. Non sono omofobo, e mi offendo se me lo dicono. E non conoscendo insiste, anche lui sul copiaincolla, sul quale mi sono soffermato ampiamente, difendendone l' uso nei casi di dati, e non saccheggiando incautamente per esprimere concetti, invece che usare parole proprie, come ho scritto. Per cascare infine su "Ti stanno sul c*** i gay?" (ma non scrivere parolacce, no , eh ?). Certo che come è nel titolo, non fanno nulla , i militanti cattofobi ed ateisti gay, per rendersi simpatici. Non è colpa mia. Contro gli omosessuali, invece, non ho nulla. Continuate a non comprendere la differenza tra gay ed omosessuale. Non è colpa mia, ma vostra. Ed anche colui che si firma Marco Volante dimostra di non capire tale differenza, parlando di "mio disprezzo" verso gli omosessuali.E dandomi anche lui dell' omofobo.

Passiamo a Postmoderno, il quale, da quel simpaticone che è, scrive: "Riguardo poi lo sdegno per l'auspicio a che siti e blog come Secondo Natura vengano considerati illegali, beh, immagino sia lo stesso disappunto che coglie gli ideatori dei siti inneggianti alla supremazia della razza ariana o allo sterminio degli ebrei", IGNORA che ho anche un Blog (trascuratissimo, anche grazie al fatto che devo passar tempo a dare risposte a chi non le meriterebbe) intitolato "La Destra e gli Ebrei." Ed IGNORA che l' Evoluzionismo è SOLO una Teoria.

Veniamo a quello che si dichiara come Giovanni Armeno. Col quale, se si trattasse del Giovanni Armeno che ho trovato,peraltro, ho qualcosa in comune: il collezionismo, e l' amore per la Casa Museo, dato il mestiere che faccio.

Con la mia ricerca non sono andato sul personale, come invece state facendo voi con le vostre parole. Se Lei afferma di conoscere la fedeltà (e ripeto, mi piacerebbe sentire spesso il parere di un vero non conforme omosessuale come Paolo Poli, la cui ironia dovrebbe insegnarvi molte cose), sono affari suoi. Ma non può imporre, se non per legge, che ad un Cattolico possa essere imposto di pensare che Lei conosca il Vero Amore. Padrone Lei di pensarlo, ma padrone io di negarlo;almeno fino a quando i libertari,d' accordo coi sinistri, non comincino a costruire Lager e Gulag per i Cattolici. Padronissimo Lei di dar credito ad altre Religioni, magari più buoniste. Si tenga poi i sottili eufemismi che non apprezzo, sulle "esperienze non conclusive" ma è proprio per l' essere ancora oggi a contatto per lavoro con alcuni omosessuali, trattando Arredamento, Tessuti ed Antiquariato, che mi porta pienamente ad affermare che chi si dichiara gay (e dunque militante) è una esigua minoranza, ben lontano dalla discrezione, dall' umiltà e dalla signorilità degli omosessuali che conosco. Purtroppo, il mondo è notevolmente peggiorato in tutto, e si dà spazio e credito a chi vuole apparire e non essere. Vedo poi che Lei continua a non voler capire:"mi sembra che lei, Vandeaitaliana, sia interessato più che altro ad affermare che persone gay non sono uguali a tutte le altre, in quanto incapaci di provare sentimenti profondi, in testa l’amore". Assolutamente falso: io penso che un Uomo che si ostini a voler peccare (mi spiace dover usare termini arcaici, ma mi piacciono: fucilatemi, per questo !) scambiando per amore cose che non reputo tali, sia capacissimo di poter innamorarsi di una Donna e pure di sposarsi, creando una Famiglia, offrendo a Dio questa prova di Vero Amore, incredibile a laicisti e militanti ostinati di ogni tendenza. Ma continuate a non capire. Mi spiace per Voi. Vorrei che Dio parlasse ai Vostri Cuori, ma bisognerebbe che Voi li apriste.

Sul Revisionismo,mi spiace, non La seguo, e come sopra sono disposto, non qui, dove sono ospite, ma nei miei blog a qualsiasi tipo di sfida. Se Lei è veramente il Sig. Armeno, dovrebbe sapere, da collezionista, che un piatto conosce il davanti, ma anche il dietro. Che una statuetta d' avorio può essere stata incisa, pur se piccola, da diverse mani, e non sempre possiamo entrare nella testa dell' incisore. Non confonda anche Lei Revisionismo con Negazionismo, non Le farebbe merito. Quanto ai ghetti, li conosco bene, avendo fatto moltissima politica negli anni '70, dove molti Miei Camerati (mi perdona il termine ?)caddero, nel nome de: "I Fascisti non devono parlare" oppure "Fascisti, carogne, tornate nelle fogne". Dunque, se permette, così come non voglio ghetti e fogne per nessuno, non voglio, come Cattolico ed Afascista (ma MAI antifascista,mi conceda pure questo) che mi ci ributtino in nome del buonismo,del politicamente corretto e del relativismo. Ma,poi, quali ghetti, via: quanti omosessuali hanno tranquillamente lavorato senza voler imporre cambiamenti radicali alla società ? Luchino Visconti, non lo vedo in un ghetto. Raymond Burr ? Altri tempi, altro stile. Altra classe. Ed insieme ad uno Zeffirelli, diventato omosessuale per un dramma vissuto in prima persona, per un figlio non nato, non li vedo marciare "per la nostra lotta contro l’intolleranza e per il riconoscimento dei nostri diritti". Anche perchè le intolleranze maggiori sono quelle contro il Cattolicesimo, più volte offeso profondamente da pseudoartisti ed attivisti. L' "interessante" per il dato delle Lesbiche, è quello che ho scritto, mal interpretato da Lei, forse con malizia. Se Lei non lo coglie, non posso farci niente. E nessuna morbosità per i vostri prolassi. Semplicemente prima di abbandonare ho studiato Medicina, internato di Fisiologia.

Poi, dopo aver incominciato abbastanza bene, scivola nel sinistrismo più trito e ritrito:"Il fatto è che in uno Stato civile, laico e non confessionale, il legislatore ha il diritto ed il dovere di accogliere le legittime istanze provenienti dalla società reale". Mamma mia, mi sembra un succo tra Nanni Moretti e Pancho Pardi ! Ma mi scusi, noi non abbiamo lo stesso diritto di lottare perchè non avvenga, in uno Stato laico e non confessionale venuto su grazie ad una guerra di conquista di uno Stato anticlericale come quello Sabaudo, appoggiato dai protestanti inglesi contro Regni Legittimi ? Stato che confiscò illegalmente beni alla Chiesa per tutto l' Ottocento ? Mai sentito parlare di una Storica come Angela Pellicciari ? Veniamo all' esempio della Casa. Uno Stato è una Casa Comune: se il mio vicino volesse costruire un secondo piano usando un muro comune di confino, magari ignorando di crepe e cedimenti, ma fidandosi di Architetti con pochi scrupoli, beh, mi permetta ancora una volta il diritto di battermi contro tale costruzione.

Democristiani ? Ma io ero al di fuori dell' Arco Costituzionale " ! Politiche a tutela delle Famiglie Numerose ? Mai sentito parlare di un certo Benito Mussolini ? Ma mi fermo qui, sa, con Scelba e Mancino in giro, non posso scrivere granchè...

Ed ecco, per dirla con Staffelli, "Sior Armeno, Sior Armeno !", che mi scivola fuori con una clamorosa contraddizione:"Diciamo piuttosto che c’è chi ammette e valorizza le diversità". Ma insomma si decida: prima mi contesta il fatto che io sia teso ad affermare che voi siate non uguali a noi. Ma poi parteggia per chi valorizza la diversità. Mi sembra o indeciso o poco informato come Benigni, il quale, dopo aver commosso il mondo intero con un film sulla Shoah, a Sanremo per combattere quel cattivone di Povia, ha letto una delicata lettera ad un noto ANTISEMITA. Perchè, come scrissi in Santosepolcro, Lord Alfred Douglas, oltre a vari difetti, tradusse in inglese quel vergognoso falso de "I Protocolli dei Savi anziani di Sion" ! Si decida, Sior Armeno ! Diversi oppure Uguali ?

Quanto al Vaticano, non parli di cose che non conosce, e si legga quello che ho scritto in risposta alle notizie riportate in modo parziale e distorto da Tycooko su S.E. Monsignor Migliore nel Post del 22 Febbraio. Grazie. Chi vuol discriminare, allora ? Ma per piacere !

Infine, nessun disprezzo. Soprattutto per gli omosessuali. Antipatia, come nel titolo, per i militanti gay, sì. Sempre più crescente, leggendo le vostre risposte. Per gli omosessuali, la massima Comprensione Cristiana.

Veniamo poi a chi si firma Giovanni Dall' Orto. Prudenza è necessaria, poichè come per il precedente, non posso appurare la veridicità dell' identità. Ma se è lo stesso che è ho visto citato in un sito che è un tutto un programma, "Socialismo Libertario", mi piacerebbe che mi spiegasse perchè , parlando della Seconda Guerra Civile Europea, si ostini a scrivere "nazismo", omettendo il nome completo: NazionalSOCIALISMO. E che magari, a me che sono mezzo rumeno, spiegasse come venivano trattati gli omosessuali sotto Ceausescu...

A lui riservo proprio poco:sia per le parolacce che mi danno fastidio (min***ate, gli altri sc****, sf***, non c' entra una m**** ed altre amenità. Probabilmente questo è il romanticismo gay,che ne so...),sia per le frasi da anni '70 (dalle quali mi piacerebbe che Tycooko, Noir Pink ma anche il Sig. Armeno prendessero le distanze)come:"Con costoro NON "si vuol esser cortese". Si evita di perdere tempo. Il buonismo non ha pagato, non paga e non pagherà. Occorre sapere chiamare FANATICO un fanatico, e FASCISTA un fascista" . Sia infine proprio per il tipo d' intervento tipico legato a quella sinistra che si crede depositaria della Verità Assoluta. Continuate così, e tornerete al potere tra 30 anni...Peccato che nel suo intervento, teso a far apparire il sottoscritto come un vecchio bacucco antiscientista non scriva che la Psichiatria, insieme alla Psicologia ed alla Sociologia, non sia a tutt'oggi considerata una scienza esatta, ma in continua evoluzione. Purtroppo a volte influenzata dalle Ideologie. E così quello che un tempo era valido ed oggi non lo è più, non è detto che un domani non lo sarà di nuovo. Dunque, smettete di tirargli la giacchetta verso la vostra parte su considerazioni che non hanno l' unanimità degli studiosi. Ricordo che Popper addirittura condanna la Psicanalisi tra le Pseudoscienze. Ora ditemi voi se Popper sia un fanatico Fascista liberticida.

Ho scitto qualcosa, in passato, a riguardo:

http://secondonatura.blogspot.com/2007/08/freud-ma-pseudoscienza-di-un.html

Veniamo infine a Fra:il quale, da buon veterostalinista estrapola una mia frase dal contesto:"Insomma, non è che si tende a delegittimare la Famiglia Tradizionale da una parte, e dall’ altra si fanno inchieste mirate a dimostrare che le coppie gay sono diventate fedeli ?", per poi asserire che la Famiglia Tradizionale si è delegittimizzata da se'; producedonsi poi in un intero campionario che renderebbe felice Ricolfi. No, la Famiglia Tradizionale è viva e vegeta, nonostante oltre sessantanni di attacchi comunisti, femministi, laicisti ed ateisti. Quanto a considerarmi un Peccatore, beh, al di là delle tue interpretazioni semplicistiche, c'è il fatto che un Cattolico deve avere l'umiltà di considerarsi sempre tale, destinando al Paradiso solo i Santi. Se tu avessi la pazienza di visitare il mio Blog Santosepolcro, cliccando sul TAG "papà", vedresti che, a differenza di tanti farisei di oggi che vedono in Paradiso immediato ogni morto, prego per Mio Padre in Purgatorio.Tutti siamo stati o siamo peccatori; l' importante è ammettere la colpa, nella speranza del Perdono. Affermare invece la giustezza del Peccato in sè, porta alla condanna. Ma tanto voi, con quei simpaticoni dell' UAAR, non credete a queste "leggende". Giusto ?

Bravi antipatici che non si accorgono che il Muro di Berlino è caduto, che esistono altre idee oltre le loro certezze, e che non è più possibile, se non con future censure, impedire agli altri di esprimerle. Senza insultare nessuno, come ho sempre fatto.
Entra ne

15 commenti:

Massimo ha detto...

Risposte articolate ed efficaci. Ma ne è valsa la pena perdere tutto questo tempo con chi, tanto, non vuol capire ? ;-)

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Sono un Credente, e duque, la Speranza è una Virtù...

Eppoi mi ha dedicato un filmato,come se fossi un bieco nazionalsocialista e razzista,ignorando come io sia dialogante con i Miei Fratelli Israeliti...
Io, lo spargitore di odio.

Amìn !

giovanni armeno ha detto...

Vandeaitaliana, avevo consigliato Tycooko di astenersi da ulteriori iniziative dialettiche nei Suoi confronti. Non mi ha ascoltato e si è dato ai video, pazienza. Del resto, non posso criticarlo, perché io stesso, dopo averci riflettuto a lungo, ho deciso di scriverLe ancora alcune righe, perché sento il bisogno di significarLe qualche mio pensiero.
Punto primo: registro che Lei se la cava piuttosto a buon mercato, con le opinioni altrui. Dichiaro di conoscere la fedeltà, di considerarla un valore? Affari miei. Affermo di conoscere l’Amore, quello con la “A” maiuscola? Beh, Lei semplicemente lo nega. Benissimo. A me però sembra alquanto irrispettoso, da parte Sua, liquidare così un patrimonio di emozioni e sentimenti condiviso per lungo tempo da due esseri umani che, ci creda o no, si sono amati con tutto il cuore, alla stessa stregua, peraltro, di tante coppie che ho conosciuto e conosco. Per denigrare ed offendere, non sono necessarie parolacce e contumelie, sa? Ma tanto sono io che non voglio capire, naturalmente…Quanto ai miei sottili eufemismi, che Lei non li abbia apprezzati, non mi fa né caldo né freddo. Io apprezzo ancor meno una proclamata conoscenza della comunità omosessuale, basata su qualche discoteca, qualche camerino o corridoio da atelier di moda, o su uno “struscio” caprese qualunque.
Punto secondo: certo che sono quel Giovanni Armeno su cui si è diligentemente informato. E chi dovrei essere? L’agente di una congiura internazionale demo-pluto-sodomitica? Ma andiamo, via!
Punto terzo: l’unica cosa che mi ha fatto sorridere per un attimo, nella Sua risposta, è il riferimento al mio “sinistrismo trito e ritrito”. Ho ripensato a tutte le botte che ho rischiato di prendere, da ragazzo, perché mi ostinavo a combattere un’ideologia all’epoca particolarmente imperante ed arrogante. Certo, nel mio essere, da sempre, fermamente anticomunista, mi considero un uomo di sinistra. Purtroppo, sono politicamente orfano, perché la sinistra che piacerebbe a me e che voterei volentieri, in Italia non esiste; ci sono solo mezze figure che o non hanno a che fare con la Sinistra, o sanno di veterocomunismo demagogico. Ma non voglio divagare. Mi premeva solo farLe notare che, se per Lei sa di “sinistrismo” quanto ho scritto sui diritti e doveri del legislatore in uno Stato laico, allora le Sue già discutibili idee sono più confuse di quanto pensassi. O, più semplicemente, qui non è neppure questione di steccati ideologici, ma di incompatibili visioni della civiltà. Io di certo preferirei scomparire, se trionfasse la Sua. Che vuol farci, sono uno che non vuol capire.
Punto quarto: nel mio post, mi riferivo alle politiche dell’Italia post-bellica. Certo che ho sentito parlare di un certo Benito Mussolini; lo considero uno dei pochi uomini di Stato che il nostro Paese abbia mai avuto, ma Dio sa quanto avrei preferito che l’Italia non avesse dovuto subire l’esperienza del Fascismo! Che poi Lei non si riconosca nelle strategie democristiane, non lo dubito affatto. Sembra però che molti Cattolici italiani – non solo quelli che lei probabilmente bollerebbe come velleitari progressisti, ma anche i tradizionalisti tutti d’un pezzo – Le apprezzassero non poco.
Punto quinto: mi duole, ma temo Le sfugga che uguaglianza e valorizzazione delle diversità non sono affatto concetti incompatibili. Uno degli elementi fondamentali di una società pluralista è proprio il riconoscimento e l’accettazione di tali diversità, fermo restando che tutti i cittadini di una comunità statuale devono essere uguali di fronte alla legge, devono poter godere di pari opportunità e via discorrendo. Non sono io che cado in contraddizione, Egregio Giorgio-Vandeaitaliana. E’ lei che non sembra proprio in grado di capire, e tantomeno di apprezzare, certi valori capitali di una società civile.
Punto sesto: parlo di cose che non conosco, riferendomi al Vaticano? E chi lo dice, Lei? Se si riferisce alle arrampicate mozzafiato della Curia per rimediare ad una rivelatrice caduta di stile, stiamo freschi. E per carità, non scada nel solito “Tu stai zitto, ché non capisci nulla”. Fra l’altro, non vedo che titoli Lei possa avere per assumere toni così inutilmente sgradevoli. Si rilegga il Punto Primo.
Settimo ed Ultimo punto: a proposito della Sua asserita distinzione fra omosessuali e gay, cioè militanti, vorrei chiarirLe quanto segue. Noi omosessuali siamo gay. Io non sono particolarmente affezionato a questo termine anglofono, ma lo accetto, come tutti i miei simili, è una parola breve ed universale, oltre a richiamare accenti di storia dell’emancipazione omosessuale. Le garantisco che anche chi è del tutto estraneo alla militanza, preferisce essere definito gay piuttosto che omosessuale, se non altro per praticità. Che poi Le siano antipatici gli attivisti, o chiunque creda urgente il superamento di intolleranze e pregiudizi, lo credo ciecamente. Immagino bene che genere di omosessuali Lei sia disposto a tollerare: quelli che si nascondono, quelli che accettano per quieto vivere che altri omosessuali siano lesi nella loro dignità, quelli dediti a specifiche e stereotipate attività di arredatori, parrucchieri, artisti, purché se ne rimangano nei loro angolini. E non citi i Visconti ed i Raymond Burr come esempi di integrazione sociale. Intanto, essi appartenevano ad una categoria privilegiata; inoltre, persino per loro la discrezione non era una scelta di stile, ma una necessità. A Hollywood, per un Cary Grant, un Rock Hudson o un Raymond Burr che si sono fatti gli affari propri, ci sono stati tanti Sal Mineo, o Tallulah Bankhead, la cui carriera è stata stroncata, perché pretendevano di essere se stessi, rifiutando menzogne, matrimoni di comodo ed altre coercizioni imposte dal Sistema.
Guardi, infine, che si può essere signorili e misurati anche da militanti, anche senza chinare il capo davanti a chi li disprezza; eh, sì, continuo ad usare il verbo “disprezzare”, tutte le evoluzioni dialettiche di chi la pensa come Lei non possono nascondere la realtà. Ma tanto io non capisco, abbia pazienza…
Ho concluso. La saluto senza cordialità e definitivamente. Replichi, oppure non replichi, si regoli come crede. A me non interessa avere l’ultima parola; d’altra parte, non Le ho risposto per amore di dialogo, per l’ottimo motivo che non credo possibile il dialogo con chi ha già in tasca tutte le verità che gli aggradano. Le ho risposto perché i Suoi interventi, specialmente l’ultimo a me e ad altri rivolto, hanno generato in me una profonda tristezza; e perché mi sono sentito ferito, direi anzi sporcato, nella mia dignità di essere umano e di omosessuale. Faccia pure dell’ironia, se la Sua coscienza glielo consente, ma non mi venga a parlare di Cristiana Comprensione. Per me, la questione si esaurisce qui; non sarà più importunato dalle mie fole di sodomita– si dice così, giusto?

Giovanni Armeno

Augusto ha detto...

Devo ammetterlo, molti, troppi, omosessuali si sono fatti e si fanno, trascinare dalle sirene delle sinistra.
Buttando al macero i loro cervelli.
Tanto da non notare, ad esempio, che la sinistra internazionale tende ad appoggiare l'islamismo; islamismo che, generalmente, incarcera ed uccide gli omosessuali.
Per non citare la libertá delle donne.
A questo punto, peró, anche la destra ha la sua parte di responsabilitá.
La destra, dalle sue origini, ha teso a isolare i "diversi" eventualmente eliminandoli dal contesto sociale, o nascondendoli.
Che, tra l'altro, é la stessa politica che era applicata nella Russia comunista.
Oggi, suggerirei un cambio, questo:
sempre rispettando le leggi correnti, ogniuno é libero di professare la propria religione o filosofia di vita, cosí come ogniuno é libero di portare in politica la propria visione del mondo.
La maggioranza, legifera, la minoranza tende a farsi maggioranza.
Tutto il resto é sterile contrapposizione.
Per quanto riguarda lo Stato del Vaticano, bene, preferirei che lo Stato Italiano mostrasse il dovuto rispetto ma anche una maggiore indipendenza.
A richiesta potrei esprimere meglio e piú lungamente il concetto.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Mamma mia, Sig. Giovanni, che impazienza ! Ha scritto tre volte lo stesso messaggio ! E che càspita, me lo lasci leggere, poi le rispondo.Ho anche altri blog, non posso starvi dietro sempre. Anche se Lei non ha risposto appieno. Ma ci sono abituato...
Intanto si legga i 3 commenti(qui, in Insabbiamento e pure in "Nel Sonno della ragione) di Augusto, omosessuale di Destra, non alla Cecchi Paone, ma dell' area Pagano-Romanica (me lo concedi, Augusto ?), col quale, nonostante le divergenze naturali, si dialoga.

A proposito, in Santosepolcro ho dialogato cordialmente anche con un comunista, credo omosessuale, anche se non me l' ha mai ammesso. Primo o poi lo contatto, per vedere se anche lui mi crede omofobo.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Eccomi dunque qui.E comincio proprio da una Sua frase finale. Lei scrive che io avrei già tutte le certezze. Male, male. Se Lei ed i suoi iracondi ( me lo concede ?) amici mi conosceste meglio, sapreste che non solo mi considero ignorante (per quello leggo di continuo,ma alla fine di un testo letto, mi considero ancora più ignorante), ma lascio il concetto di Verità Assoluta a Nostro Signore. In più, arrivando in fondo del suo commento e scrivendo ciò, dimostra o di aver dimenticato o non capito o di aver voluto rigirarmi il senso del titolo del mio post. Ricolfi, che è di sinistra, credo che rimproveri alla sinistra quello che io ho cercato di spiegarvi. Di essere, cioè, non solo i migliori, ma i depositari della verità assoluta. E così i gay, i libertari, gli ateisti, i laicisti. Quindi, La prego, non mi rimandi o mi rigiri le mie parole.

Veniamo alle risposte, anche se Lei, purtroppo, ha preferito non rispondere in toto.

Lei ha dichiarato di conoscere la fedeltà. Io le ho risposto, semplicemente: "affari suoi". Buon per Lei. Ma rappresenta una perla rarissima, come ho scritto nelle altre risposte. Ed ho anche aggiunto che mi piacerebbe sentire Paolo Poli, persona intelligente e sicuramente da non considerare un militante. Un Liberale, non un Libertario. Che non ha mai subito nessuna discriminazione. Epperò sappiamo tutti che pendesse dalla vostra parte (posso usare questa parola ? Dato che pederasta vi disturba... Eppure ho scritto intere pagine qui , in altri post, a dimostrazione di quanto ne sia lecito l' uso. Arcaico, ma lecito...Ma non divaghiamo ulteriormente), che cosa ne pensi della fedeltà e del matrimonio gay. Io penso di saperlo, come la pensa,Poli, ma non importa...

Poi, ecco, si inalbera perchè io non possa considerare Amore il Suo. Oh bella, ma ha letto quello che ho scritto ? Me lo imponga per legge, se può. Mi getti nella Fossa dei Leoni, insieme ad altri Cattolici, che, per obbedire al Proprio Credo, la pensano in maniera differente da Lei. Non posso e non voglio:padrone Lei di pensarlo, ma padrone io di negarlo, come Le ho scritto. Questo il Primo Emendamento degli USA me lo concede. Non posso, io, in uno stato laico,aconfessionale, antifassista e nato dalla resistenza, con pure tutti i beni Ecclesiali confiscati dai Savoia ? Fucilatemi ! In un Gulag, via, e buttate la chiave. Niente di irrispettoso; sicuramente molto ma molto meno irrispettoso ed offensivo di quello che ultimamente i vari miltanti e pseudo artisti hanno scritto verso la Mia Religione e di cui ho parlato ("In laica frocessione" ed altri posts ). E sicuramente molto meno irrispettoso ed offensivo che trovare in alcuni vostri blog, tra immagini di ometti discinti, l' Immagine del Santo Padre. Perchè è questo che non volete capire: quello che Voi considerate semplicemente un Sacerdote in là con gli anni, con accento tedesco e molto deciso, per Noi, biechi e criminali naziCattolici, è in realtà il Vicario di Cristo, qualcosa di Sacro ed estremamente importante. E quante parolacce, contumelie, bestemmie e pure vergognose insinuazioni anche contro Padre Gheorghe !

Dunque, mi spiace, il Vero Amore è quello tra un Uomo ed una Donna, casto prima e poi Santificato nel Matrimonio. Emozioni e sentimenti, glieli concedo. Magari errati o disordinati (non si inalberi di nuovo...), ma non Amore.

Vedo poi che vuol negarmi la conoscenza del vostro mondo; a parte il fatto che è stato, erroneamente, se rileggerà la mia risposta che feci, Tycooko a tirare in ballo la moda, che conosco. Ma, mi scusi, per fare un esempio, di Teatro devono solo parlare gli Attori ed il Regista, oppure è lecito lasciar parlare anche il Critico Teatrale ? Magari non saprà recitare o far muovere gli attori, ma qualcosina capirà pure il Critico. O no ? Che magari qualcosina avrà studiato. Mi consideri dunque un Critico. E, Mourinho, altro esempio: mai giocato a calcio. Però, mi sembra stia dimostrando di capirne, di calcio. E di come vada il mondo...

Postillina: a Capri ci sono andato per una decina di anni. E, recentemente ho riportato la Mia Famiglia. E' cambiato tutto, in peggio. Non c' è più Bonocore, hanno cambiato i Taxi; non ci sono neanche più i pederasti di una volta. Che nessuno discriminava. E non c'è più la Bella Gente, ma questa ormai è sparita dappertutto.Tantissimi volgari, eterosessuali ed omosessuali. Non uno struscio caprese, la conosco bene, l' isola, e ricordo tutto.

Punto secondo: è Lei che riafferma di essere Giovanni Armeno, mi spiace. Io non ne dubito, ma tanti anni di Internet mi costringono alla prudenza. E' per il rispetto della privacy di Giovanni Armeno che agisco in questo modo. Ho incontrato sedicenti Vescovi, fake, Troll, mirror, mi hanno costretto a moderare i commenti nei miei blog. Abbia pazienza...

Sorrida pure, ma la frase che ho riportato: "Il fatto è che in uno Stato civile, laico e non confessionale, il legislatore ha il diritto ed il dovere di accogliere le legittime istanze provenienti dalla società reale" l' ha scritta Lei, mica io. Ed infatti è Lei che riafferma di "essere di sinistra". Eppoi lei dice che da ragazzo ha rischiato di prenderle. Mi spiace, qui rischio di inalberarmi io. Dunque, se era Socialista, con tutto il rispetto per i Morti, la FGSI del giovin Craxi era piena di futuri rivoluzionari, più a sinistra della FGCI ! Se era Radicale o Liberale, pur con tutto il bene che posso dire di Malagodi, dov' eravate quando Noi, ANTICOMUNISTI da sempre e per sempre, avevamo bisogno di qualche legittimizzazione, ma non la avemmo. Anche i Monarchici ci evitavano, prima di quella mirabile opera di Giorgio Almirante che fu la Destra Nazionale. E per questo venivamo ammazzati, sprangati, incarcerati. Noi conosciamo la VERA ghettizzazione, la vera discriminazione, la vera demonizzazione. Ed io la porto sopra un sopraciglio. Lei ha rischiato ? Noi le prendevamo, per farvi entrare a scuola, ed altri caddero. Per sempre. Vada a leggersi quello che ho dedicato a Sergio, in Morti Dimenticati, se vuole.

Bene, ora mi calmo, mi scusi lo sfogo, ma ero e sono un Idealista. Pure io orfano, del MSI perennemente tradito da nuovi ducetti senz' arte nè parte.

Ma termini come "società reale" è sinistrismo, me lo conceda. Ed anch'io preferirei sparire, se trionfasse chi è contro la Mia Società Ideale. Fatta di cose arcaiche, bucoliche, superate, vetuste:Dio, Patria e Famiglia. Ogni giorno sotto attacco da anni. Sa cosa dicevano quei ragazzi vituperati che scelsero un giorno di Settembre di non tradire ? "Anche se TUTTI, Noi, NO !".

Ma, Santo Cielo, ma vede la pubblicità, in Tv ? L' Uomo è un povero deficiente, che non sa neanche comprare un patata al selenio. Il Padre ? Un cretinetti come quello proposto da Abatantuono oppure da Enzo Decaro.Le Suore sono carognette che ti fregano sull' acqua, i Frati sono ladruncoli di gorgonzola. Ed una parte da gay in un telefilm non la si nega più a nessuno. Siete di moda, altro che ! Noi, siamo arcaici o cretinetti...

Vedo poi che su Revisionismo e Lord Douglas non risponde (oltre che antisemita, ne aveva altri, di difetti. Ma lasciamo stare, no ?); ma conosco bene il comunismo di persona : io non ho "rischiato di prenderle". E non solo negli anni '70. Tra poco sono vent'anni, era il Dicembre 1989 e partii, con altri Pazzi Italiani, per Bucarest. Ritrovando il Mio Primo Amore conosciuto nel 1972, ora Mia Moglie. Rischiando di morire. Ritornandoci ogni mese, rischiando nuovamente di morire per mano dei minatori chiamati dal neocomunista Iliescu. Pazzi, visionari pazzi che eravamo, a combattere per un ' Idea, per Dio, Patria e Famiglia ! Pazzi, mille volte pazzi, insultati e calunniati un tempo dai rossi, ed oggi da chi non vuole ammettere che anche la nostra visione del mondo può essere valida come la Vostra.

Punto quinto: e questa italasia (per dirla alla Fallaci...)sarebbe civile ? Beato Lei, che non ha figli. Io ne ho una. Ma sente di stupri, di ragazzi ubriachi e drogati senza Ideali, in una scuola che li prepara alla disoccupazione,in uno stato dove le Industrie sono state espropriate da manager ottusi che non sanno cosa voglia dire essere imprenditore coi soldi propri ? Ma Lei ha la patente ? Vede quello che succede per strada ? Sa quanti muoiono grazie al menefreghismo altrui ? Non una categoria si salva, dai pedoni ai camionisti; ognuno pronto a fregare gli altri. E le rapine nelle case ? Pensi che bella società civile nata dalla resistenza per uno che ha il concetto di Cameratismo tramandato dal Proprio Padre , come il sottoscritto ! Gliela lascio, l' italasia:una Nostra Canzone, di Noi Ribelli degli anni '70, dice: "Democrazia,Democrazia, è cosa vostra, non è mia.". Non credo che capisca,però: io sono pazzo, Idealista e pazzo; Lei è giusto.

Punto 6:sul Vaticano, ho risposto già da tempo, come ho scritto; nell' altro post. E se uso termini sgradevoli, ne ho i titoli. Si rilegga quello che ho scritto sulle varie offese al Santo Padre, a Gesù, alla Mia Fede.

Punto settimo: mai sentito l' arguto omosessuale fiorentino Zeffirelli, che ho più volte ricordato ? "Gai ? O che c'abbiamo da esser gai, noialtri ? " . Ci rifletta sopra. Ma no, ma no ! Zeffirelli è Cattolico, magari colto, coltissimo, con il senso del bello innato. Ma è Cattolico: al rogo ! Via, via, ghibellin fuggiasco, via, via ! Torna tra gli etero !

No, vede. Sig. Giovanni, ho scritto chilometri di pagine, ma temo che non capirà. Non perchè non sia in grado, ma perchè non voglia capire. Non voglio omosessuali nel ghetto (e l' ho scritto, Noi ci siamo stati, topi di fogna e carogne...). Vorrei omosessuali che non insultino e bestemmino. Vorrei omosessuali capaci di capire che non sono nè omofobo nè razzista, ma ho semplicemente un 'Idea di Società diversa dalla vostra, che si è retta per millenni grazie ai tre vetusti pilastri che ho ricordato. Vorrei che capiste che accettiamo e perdoniamo il Peccatore, ma non possiamo perdonare il Peccato, con annessi e connessi. Che crediamo non solo in Dio, ma temiamo il Maligno (ha ragione, sono arcaico. Pazzo, arcaico ed anche un po' fuso...). Il quale, mi perdoni, ha la maggior furbizia nel non far credere nella propria esistenza. Vorrei omosessuali che non vogliano quote viola come le quote rosa delle femministe, ma che si accettino senza voler imporre cose improponibili ad un Credente. Nè nascosti ma nè sbandierati come perfezione. Omosessuali, non gay. Con quell' autoironia dei pederasti di una volta, come quell' attore ( e non era Petrolini, come falsamente attribuitogli, ma Memo Benassi), che a chi gli urlò "Checca !", gli rispose: "Checca sì, ma grande attore !".

Lei, è un essere umano: la Sua Dignità Le viene dall' esserlo. Non perchè è omosessuale.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Augusto. Dov' eri finito ?

Adesso penseranno che tu sia un fake !

Dai un' occhiata a quello che ho scritto, nelle repliche e nelle varie controrepliche. Mi hanno pure dedicato un filmato, dedicandomi il Monologo di Shilock, facendomi fare la figura del razzista ! Dammi un parere...

Te li immagini gli insulti verso Allah, da parte di un gay del mondo arabo ?

Augusto, guarda che durante il Ventennio c' erano, appunto, i Benassi e tanti altri.Non discriminati. E come ha ricordato Buscaroli ( o Solinas ? No, credo fosse proprio Buscaroli), nessuno ha mai discriminato il nipote di Starace, uno dei primi trans italiani.

Come leggerai nella risposta che ho dato sopra, sono sostanzialmente d'accordo con quello che dici nella parte finale. Dunque, lecito per noi Cattolici batterci per le nostre idee.

Quanto al Vaticano, ho scritto in Santosepocro qualcosa al riguardo recentemente: dagli un' occhio, se vuoi...Con tanto di cartina. Il giorno 11 Febbraio.

Augusto ha detto...

"Augusto, omosessuale di Destra, non alla Cecchi Paone, ma dell' area Pagano-Romanica"

Concesso.

Precisazioni:

Visconti, Zeffirelli e Poli non credo che facciano testo; eventualmente potremmo riconoscere in loro delle libere scelte motivate da colti ragionamenti.

La coppia permanente omosessuale esiste; ovviamente in Italia il dato non é quantificabile, non esistendo nessuna regolarizzazione/pubblicitá legale.

La mia laicitá non é anti-cattolica é A-cattolica, come ben sintetizzato ad inizio post.

Negli anni settanta, pur essendo omosessuale, ero di quelli che prendevano sprangate, a Genova, posto difficilino.
E avevo problemi anche con i miei camerati, essendo omosessuale.
Questa, a mio parere, é la colpa della destra italiana.

Scusate, mi sono ripetuto, come sempre; ma sono punti che ritengo decisamente rilevanti e che mi "bruciano" molto;
ancora adesso da anziano pensionato.

Augusto ha detto...

No, non sono un fake; sono un omosessuale, gay, buliccio, buson, fimminella, frocio, marica, viado ecc che, per fortuna, non ha mandato il cervello all'ammasso.

Commento poco perché la mia preparazione non mi consente gli sbroc sbroc (neologismo di rete) filosofici.

Quello che mi importa é la libertá mia e di qualunque altro, quindi...
mi rimane poco da dire.
Se non ribellarmi quando mi definiscono "malato";
imbestialirmi quando un camerata, senza ragionare nemmeno un momento, mi allontata e discrimina;
e romprere le palle per ottenere il riconoscimento legale dei doveri e dei diritti delle coppie omosessuali.

A proposito del ventennio, lo sapevo.
Anzi, a mio parere, prima del Concordato e prima della alleanza con quel mattachione di Hitler, il Duce non aveva proprio nulla, ma nulla, contro di noi, checche isteriche escluse (credo); poi, per ragioni politiche e diplomatiche ha dovuto cambiare la posizione iniziale.
Cordiali saluti.

P.S.
amdró a vedere su Santosepolcro o "sepocro"?

Augusto ha detto...

Letto. E vado in O.T.
Ma, non concordo.
E, per motivare, devo, per forza, rifarmi a pochi anneddoti della storia Cattolica che ricordo dalla mia infanzia.
1) Mercanti nel Tempio
2) Quei tali monaci che verso il 1.200 andavano ammazzando i Vescovi ricconi e sporcaccioni.

Pur avendo un contenzioso con il Cristianesimo, se:

- si applicasse sempre, o, almeno si tentasse, il: "ama il tuo prossimo come te stesso"
- la Chiesa Cattolica Apostolica Romana si (finalmente) trasformasse in una ONG senza fini di lucro, distribuendo ai poveri l'eccedenza di capitale, vivendo veramente di elemosina (e soccombendo in mancanza di questa)...

allora, potrei, dovrei, seriamente rivedere certe mie posizioni.

Certo, non mi stanco di ripetere che chiunque é libero di seguire qualunque "guru" fosse anche il predicatore del "Grande Cocomero";
sempre che il guru non inciti a comportamenti illegali.

Cordiali saluti

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Augusto.

Scusa il ritardo.

Certo che ci sono le coppie omosessuali. Ma che bisogno c' è di legittimizzare quello che in quanto tale, non si può ?


Acattolico ? Ottimo. Esattamente come il termine Afascista, ben lontano dal post- ed antifascismo.

I signori militanti gay di sinistra,invece, spessissimo sono atei anticattolici ed ammiratori dell' UAAR. Eppoi, quando rispondo loro con il lungo commento, si ritirano sdegnati ed acidi...

Sul Fake, era una battuta, naturalmente. Oppure quello che avranno pensato i sinistri...

Sulla tua libertà, non si discute. Ma il fatto è che i militanti libertari vorrebbero impedire a noi "clericofascisti" di esprimere la nostra opinione, vedendo omofobi,razzisti e Fascisti (hi hi hi !)dappertutto.

Si, il ventennio non discriminava. Mi ricordo una imitazione di Tognazzi di un noto pederasta cremonese, al canto di "Quella maschia gioventù".

Ma non addebiterei al Concordato ed alla Chiesa il peggioramento, ma senz'altro l' iniqua alleanza con Hitler. Ma sappiamo che tale alleanza è da addebitare alla Società delle Nazioni, che con le sanzioni ed il non appoggio a Mussolini contro il Fuhrer dopo l' Anschluss spinsero Mussolini verso la Germania.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Non sempre si può porgere la guancia.

Lasciamo i Santi ad amare il prossimo in toto. Non sempre è facile fare come il Centurione buono e buttare tutto.
A Dio basta poco:tentare di non peccare. Con tutto il cuore. Con tutta l' Anima.

=============

La Chiesa non può rinunciare ai propri averi. Anche se nell' Ottocento Cavour e c. fecero molto per costringere alla povertà i pretacci.

E da chi spesso predica povertà non c' è da fidarsi troppo, vedasi i Catari, che santi non erano...
=======================

I Templari, invece, erano perseguitati dal Re di Francia,perlopiù.

Augusto ha detto...

Solo tre commenti; vorrei dire: precisazioni, ovvero precisazione del mio pensiero.
"
Ma che bisogno c' è di legittimizzare quello che in quanto tale, non si può ?
"
Mi sapresti dare una ragione NON religiosa per spiegarmi perché non si puó?
Ti dó la ragione non religiosa per la quale credo che si debba:
- due tali che vivono assieme formano un tipo di organizzazione che ha ricaduta sul resto della societá; e la societá ha il diritto di sapere che i due tali convivono.
Oggi, Pinco e Pallino che convivono a Genova, se si spostano a Milano possono fingere di essere totalmente sconosciuti tra di loro. Con ricadute che possono essere socialmente negative.
Quindi, le forze di polizia dovrebbero sapere ufficialmente che Pinco e Pallino stanno assieme. Anche se si spostassero a Bremenhaven.
Senza dubbuio, a fronte di doveri, si devono avere anche diritti. Ti faccio il mio caso.
Vivo all'estero con il mio convivente; per ora non ho potuto portarlo in Italia a causa delle leggi di immigrazione. La mia famiglia, figlie, veramente vorrebbero conoscerlo, ma non possono.
Se, poi, volessi trasferirmi in Italia... lui non potrebbe. O dovrei chiamarlo come mio "maggiordomo" sempre e quando i flussi lo consentano.
"
Ma sappiamo che tale alleanza è da addebitare alla Società delle Nazioni,
"
Fondamentalmente gli Ingesi
"
Non sempre si può porgere la guancia
"
Non credo, se decidessi di diventare Cristiano (e potrei farlo anche domani) quello sarebbe il mio imperativo di tutti i giorni.
Salvo non riuscirci o non riuscirci del tutto; non sono un santo.
Tra l'altro, male e parzialmente tento di farlo giá oggi.
"
La Chiesa non può rinunciare ai propri aver
"
Per quale motivo?
Non potrebbe trasformarsi in una ONG senza fini di lucro?
I soldi dovrebbero essere usati per il mantenimento della struttura, il resto, immobili compresi, (lucro) ceduto in beneficenza. Come é previsto, credo.
I conti potrebbero essere rivisti da una ditta terza e pubblicati ad uso dei fedeli.
I fedeli dovrebbero SENTIRE la responsabilitá di mantenere economicamente le loro chiese ed i loro pastori.
Oggi mi sembra troppo facile, vado in chiesa una volta a settimana, eventualmente spettegolo, eventualmente caccio una bella ganza...; e fine. Sono cristiano.
Nó, carino, devi impegnarti moralmente ed economicamente; devi impegnarti a mantenere, economicamente, la tua parrocchia ed il tuo parroco; o non sei cristiano.

Probabilmente sono un fondamentalista, tanto fondamentalista da non accettare di essere Cristiano per paura di non essere all'altezza del compito.
Béh, c'é anche l'altro problemino: non rinuncerei mai alla mia relazione con il mio compagno e non rinuncerei mai alla mia sessualitá.
Complesso.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Semplice:se un fratello ed una sorella vivessero insieme, per carenza delle case o problemi economici, nulla da dire. Ma se volessero sposarsi, sarebbe contro natura.

===========

Maggiordomo ? Potrebbe essere un idea. E se poi ti uccide, come tutti i maggiordomi ? :-)


=========

Gesù ha detto, anche: "Non sono venuto a portare la pace, ma la spada". O dimentichi che i Camerati Spagnoli combatterono in nome di Cristo Re ?
Dimentichi i Vandeani ed i Cristeiros Messicani ?

E forse dimentichi pure il NazionalCattolico Von Stauffenberg che, prima di attentare ad Hitler, ottenne l' assoluzione dopo essersi confessato in anticipo ?

===========

A parte il fatto che,con le varie espropriazioni abbiamo già dato...

Resta il fatto che la Chiesa ha l' obbiettivo della Conversione Universale. Senza palanche e senza Istituti Religiosi, come facciamo ?

============

Il Santo Padre ci ha esortato non solo a resistere, ma anche a non aver paura di restare in pochi. Pochi,ma buoni.

E Lui non ha paura a continuare a fare il Papa: contro i preservativi, contro l' aborto, contro i matrimoni omosessuali. Per l' astinenza, là dove occorra.

Noi non vogliamo conversione a forza, le lasciamo ad altre religioni. Ma chi aderisce al Cattolicesimo deve accettare di vivere da Cattolico. E battersi per la Nostra Fede.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Sior Armeno, Sior Armeno...

Ma le sembra ? Io dovrei pubblicare il suo "annuncio" diretto a terzi, quando Lei non si prende la briga di rispondermi, dopo la lunga risposta a Lei dedicata ? Ma dov'è la buona educazione ?

Prima risponda, e poi pubblicherò il suo "appello"...