mercoledì 20 aprile 2011

Ridicolmente corretti

Nel Il Resto del Carlino di martedì 20 è stata riportata una gustosa storiella, vera, che ha una bella morale.
La domenica precedente hanno giocato le giovanili di Bologna e Parma.
Ad un certo punto un calciatore del Bologna è finito dolorante a terra, ma il Parma continuava a giocare.
L’allenatore del Bologna si alza dalla panchina e urla ripetutamente all’indirizzo del giocatore del Parma che aveva la palla: buttala fuori, Finocchio ! Finocchio, buttala fuori !
L’arbitro espelle l’allenatore senza voler sentire ragioni, perchè non tollerava “insulti omofobi”.
Solo al termine della partita riescono a spiegargli che Finocchio era il cognome del calciatore e non un epiteto rivoltogli dall’incolpevole allenatore rossoblu.
Qual’è la morale ?
Siamo arrivati un punto in cui il “politicamente corretto” avvelena la nostra vita, facendoci oltrepassare ogni limite del ridicolo.
Torniamo indietro, se e finchè siamo ancora in tempo e riprendiamoci la libertà di parlare senza censure.



Entra ne

Nessun commento: