mercoledì 22 febbraio 2012

La censura politicamente corretta del Giornale

Marcello Veneziani cura una rubrica ne Il Giornale chiamata Cucù.
In poche righe esprime un parere, commenta un fatto, con arguzia e sagacia.
Non sempre condivido la sua opinione (non sempre, ma quasi sempre, tranne quando fa emergere la sua meridionalità) e raccolgo i vari Cucù, stampandoli dal sito del quotidiano dove vengono pubblicati in genere nel pomeriggio del giorno in cui sono pubblicati sul cartaceo.
Nel Giornale del 15 febbraio 2012, Marcello Veneziani ha scritto un più che condivisibile pezzo a difesa di Carlo Giovanardi che aveva dichiarato (anche se nel contesto dell’intervista il tutto diventa molto più sfumato) che vedere due persone dello stesso sesso che si baciano, provoca lo stesso effetto del vedere uno urinare sulla pubblica via.
Veneziani ha difeso il diritto di Giovanardi a provare ripugnanza verso l’omosessualità, condividendo l’idea che se due omosessuali proprio vogliono perseguire la loro tendenza, lo facciano al chiuso di quattro mura.
Di tale Cucù, fino ad oggi, non v’è traccia nella edizione online de Il Giornale.
Ma, come dimostra la scansione dell’articolo di cui tratto, non mi sono inventato la sua pubblicazione sulla carta stampata.
Allora dove è finita la memoria in Rete dell’articolo di Veneziani ?
Sottolineo che non è la prima volta che Veneziani, controcorrente, prende posizione contro la dilagante politica omofila e anche in passato il suo articolo non trovò spazio nell’edizione online.
Di più e di peggio.
Ieri ho commentato il Cucù con il quale Veneziani diceva che non gli si poteva chiedere di sposare Monti al quale rivolge numerose critiche.
Numerosi sono stati i commenti.
Il mio condivideva il pensiero di Veneziani e correggevo il tiro scrivendo contro Monti, precisando che il suo governo era falsamente liberale (perché un vero liberale non avrebbe messo le mani sui risparmi, aumentato le addizionali irpef e imposto una patrimoniale sulla casa) e spingeva alla deriva morale (e citavo le dichiarazioni della Fornero sugli omsessuali e di Riccardi sul voto agli immigrati).
Anche del mio commento non v’è traccia.
Dobbiamo quindi pensare che al Giornale ci sia una “manina” politicamente corretta che censura tutto ciò che possa turbare la lobby omosessuale che evidentemente ha attecchito anche nel quotidiano caro al Centro Destra ?
Saperlo è fare un grande passo avanti per sconfiggerla.


Entra ne

Nessun commento: