sabato 30 agosto 2014

Ed ora i giudici si credono Dio.

Ennesima sentenza choc dei giudici italiani, in attesa che passi la legge Scalfarotto che limiterà ulteriormente la libertà di pensiero: il Tribunale dei minorenni di Roma ha riconosciuto l’adozione di una povera bimba che vive presso una coppia di lesbiche, figlia biologica di una sola delle due conviventi, che aveva avuto  all’estero anni fa con procreazione assistita eterologa. 
Come in tante altre sentenze che riguardano la Vita, i giudici, grazie alla Costituzione che li dota di poteri inimmaginabili all' estero, si sostituiscono al popolo.
Dimostrando cosi di sentirsi equiparati a Dio. Che per loro, probabilmente, non esiste.







Entra ne

4 commenti:

Massimo ha detto...

Una sentenza aberrante come è ripugnante tutto ciò che sottintende. Guardo con sempre maggior speranza all'Ebola, come purificatrice di una umanità profondamente degenerata in tante sue componenti ... ;-)

Ombra ha detto...

E' putroppo il primo passo verso il riconoscimento del Matrimionio, e permettere alle coppie omossessuali di avere dei figli e crescerli in una sorte di famiglia, cancellando millenni di principi che hanno retto la società.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Vero...

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Meteorite...secca