mercoledì 20 gennaio 2016

Mancini e Sarri.

Questa polemica sta montando inutilmente, con Sarri "omofobo" e Mancini "paladino degli invertiti".
No, a parte il fatto che Sarri, da comunista, dovrebbe ricordarsi il loro disprezzo di un tempo verso Pasolini, e che se a dare del "frocio" e "finocchio" fosse stato uno di Destra ci sarebbero già un migliaio di pederasti e lesbiche in piazza, resta che un professionista ha insultato pesantemente un collega: sarebbe stato uguale se gli avesse dato dell' imbecille o altro.
Io, se m'avessero dato del finocchio o del cretino o altro, avrei reagito come Mancini. Possibile che una cosa del genere non sia chiara, e si debba buttare tutto in politica ? Qui la politica non c'entra nulla. Anche se poi Mancini sbaglia a sua volta, dando del razzista all' allenatore del Napoli.

Il problema vero è che per me restano offese. Ed anche gli omosessuali sono doppi: tant'è che si battono perchè vengano considerate offese, per poi querelare. Spero di essere stato chiaro.










Entra ne

1 commento:

Massimo ha detto...

Io non avrei reagito come Mancini, andando a piagnucolare a favore di telecamere, per il semplice fatto che non sono omosessuale. E, soprattutto, non avrei insistito nelle interviste del giorno dopo dichiarando che Sarri avrebbe offeso "migliaia di persone". Sono offese ? In campo se ne dicono tante. Mi ricordo che quando giocavo si diceva ben di peggio da un lato per caricarci e dall'altro per incrinare la fiducia o la calma dell'avversario. Mi sembra fuori da ogni limite pensare di squalificare Sarri, come ho sentito per radio, per offese "aggravate" da omofobia. Aggravate ?!? Ho il sospetto che l'uscita di Mancini (nella sua intervista mi è sembrato molto,troppo freddo e tranquillo) sia stata studiata a tavolino, per motivi che nulla hanno a che vedere con il singolo episodio (avendo solo sfruttato la circostanza) e neppure la partita o il calcio in generale. No, Mancini non mi è piaciuto affatto.